Presentazione

Lost Tales: Andromeda 3

È un torrido giorno di un torrida estate, non un filo di vento si muove nella città semi deserta. Eppure, come accade il giorno prima di ogni uscita di Lost Tales, mi trovo a scrivere questa presentazione con brividi di trepidazione. Questo progetto è ormai al suo terzo numero con Letterelettriche e al quinto se si considera la sua precedente incarnazione. L’impegno necessario per creare quel che stringete tra le mani è davvero ingente ed è sempre una scommessa che facciamo col pubblico, con voi. Sì, perché è intorno a voi che gira tutta questa nostra piccola galassia. È negli spazi siderali della vostra immaginazione che speriamo di spedire le nostre astronavi; vostri sono i portali che ci proiettano a distanze impossibili e spingiamo sempre i nostri motori al massimo perché altrimenti sarete voi a spedirci nell’oblio di un buco nero a cui nemmeno la luce può sfuggire (figuriamoci la luminescenza digitale).
Questo numero è particolarmente corposo e molti sono i racconti provenienti dai più disparati angoli del nostro paese (pianifichiamo di aumentare ulteriormente la portata della nostra rete nel prossimo futuro, ma non vogliamo fare spoiler per ora). Per ogni racconto è stata illustrata una tavola nello stile onirico ed evocativo di Andromeda e speriamo che le apprezzerete quanto noi. E poi ci sono i saggi, che sono parte della tradizione del nostro pulp magazine e che non sono solo un corredo ai racconti, nelle nostre intenzioni, ma uno dei cardini sui quali ruota la nostra operazione: il desiderio di tramandare il passato del genere ai posteri e costruire un fulgido futuro partendo da esso.
Voi potreste dire: non avete citato alcun titolo o autore, come sperate di poterci introdurre alla lettura?
La risposta, amici, è semplice quanto immediata: vi siete buttati nel vuoto, senza paracadute, senza reti, senza sicurezze. Godetevi le vertigini e l’adrenalina dell’inconsapevolezza… ne varrà la pena. 

 Vittorio Cirino

Disponibile per l’acquisto qui e sugli stores

.

Pin It on Pinterest

Share This